giovedì 18 marzo 2010

TIME WASTE O LA DIFFERENZA FRA VOLERE E FARE

Le palle di Noè, ho perso 15 minuti per rientrare nel maledetto blog e ora devo andare a potare, che ne ho anche poca voglia... ma il tempo atmosferico impone che uno lo faccia... che poi la prossima settimana inizio il corso per imparare a farlo! :-)

Volevo dire, avete presente quei periodi in cui sembra che ci sia un malocchio su una parte del  vostro corpo? Non so si mai capitato anche a voi ma la scorsa settimana era quella dedicata a Mani & Fuoco, ovvero come bruciarsi in 100 e + modi.
Prima la nocca della mano destra col "coso" rovente del forno... quello che crea calore mi capite?  Un lievissimo tocco che a fatto sshhhht e in un istante tutti i liquidi dei vari strati di pelle  sono evaporati come per magia lasciando un ustione pulita e cauterizzata e per niente e dolorosa. Che è quello cohe spaventa di più - i nervi dove sono finiti?
Poco dopo non contenta ho afferrato un vassoio di metallo che avevo appoggiato troppo vicino al fuoco del fornello; alla mano destra era freddo ma la sinistra ha sofferto sul dorso del mignolo e l'anulare due belle tacche, stavolta dolorose.
Qualche giorno dopo la mano destra invidiosa di tutta l'attenzione che si prendeva lasinistraecco che ha voluto prendersi la sua parte: ed ecco una bella tacca sulla seconda falange del medio :della serie che per farlo vedere si fa un gestaccio. 
Colpo di grazia ieri l'altro: l'indice sinistro tanto per non far dimenticare chi comanda (sono mancina) si è voluto avvicinare troppo al ferro da stiro e zakkete!
Ora uno si domanda perchè ci sono questi addensamenti di incidenti dello stesso tipo. Stavolta il calore ma a volte si  zappano le mani con coltelli e altri strumenti appuntiti e taglienti creando una ricorrenza che fatanto pensare ad una punizione inconsciamente auto inflitta.

In inglese ho scoperto di recente esserci un termine perfetto per questa occasione:


stochastic
of or pertaining to a process involving a randomly determined sequence of observations each of which is considered as a sample of one element from a probability distribution. 

(Origin:  1655-65; ; Gk stochastic equiv. to stochas- (var. s. of stochấsthai to aim at) + -tikos)

adj.     Of, relating to, or characterized by conjecture; conjectural.
  • Involving or containing a random variable or variables: stochastic calculus.
  • Involving chance or probability: a stochastic stimulation.
Insomma della serie : SHIT HAPPENS! 
 Come si dica in Italiano con altrettanta fighezza lo lascio da scoprirea voi. 

E ora AGLI OLIVI, OH PRODI!

mi si è rotta la barretta spaziatura mo che fo?

6 commenti:

pippi ha detto...

secondo la teoria antroposofica (RUDOLF STEINER) sei troppo dentro il tuo corpo eterico e devi un po' scendere in quello fisico...!!!

ignominia ha detto...

sei fortunata che ho la tastiera rotta mmphhfstt! :-)

giardigno65 ha detto...

noi da piccoli si diceva sempre quando ci succedeva questo cose ; stoca...stico ! Finalmente scopro la radice ...

son tutti segnali ...

anche la rottura della barra spaziatrice sarà un segno ?

Oh prodi accorrete !!! Scendete da quegli olivi !!!

ignominia ha detto...

2 segni! ho postato unarisposta ed è sparita! dicevo che i fatti sono due: o voi piccolinieravate parecchio colti, oppure non riesco a individuare la tua ironia. Mi domando se sto cadendo come una patata nei tuoi scherzi...
la barra è una sòla tremenda, aggiungi che metà dei tasti sono cancellati (a forzadi batterci le dita) e ti immagini che ora per me è come scrivere con i moncherini... vediamo se sparisce anche questo?

titina ha detto...

Sono più prosaica, si dice così? Insomma terra-terra. Quando succedono queste cose è tempo di distrarsi. Non è necessario andare in vacanza alle Maldive, basta per un po' dedicarsi a cose diverse e nuove. Nel farsi male troppo spesso io vedo allarmati segnali del nostro corpo che si sbraccia per dirci "basta! tregua! aiuto!"
Lo dico perchè capita anche a me.

giardigno65 ha detto...

provare col tedesco ? lì la barra spaziatrice serve meno ...